Amazon: a Ny tutela inadeguata dipendenti – Internet e Social

Amazon: a Ny tutela inadeguata dipendenti – Internet e Social


Amazon potrebbe aver violato le norme federali sulla sicurezza per aver fornito protezioni “inadeguate” ai lavoratori dei suoi magazzini nello Stato di New York. Lo ha scritto l’ufficio del procuratore generale di New York, Laetitia James, in una lettera ad Amazon di cui riferisce il sito di Npr.

“Mentre continuiamo a indagare, le informazioni finora a nostra disposizione sollevano preoccupazioni sul fatto che le misure per la salute e la sicurezza adottate da Amazon in risposta alla pandemia di Covid-19 siano così inadeguate da poter violare diverse disposizioni della Legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro” e altre linee guida federali e statali, ha scritto lo staff di James nella lettera, datata 22 aprile.

Sotto la lente d’ingrandimento del procuratore ci sarebbe anche il licenziamento di un dipendente dello stabilimento di Staten Island, Christian Smalls, che avrebbe aiutato a organizzare una protesta chiedendo la chiusura del magazzino dopo alcuni casi di contagio.

Secondo Amazon il licenziamento è avvento perché l’uomo non ha rispettato la quarantena. Tuttavia le indagini preliminari della procura, che chiede il reintegro di Smalls, “sollevano serie preoccupazioni sul fatto che Amazon possa aver licenziato il dipendente per mettere a tacere i suoi reclami e inviare ad altri dipendenti il messaggio, minaccioso, che dovrebbero tacere su eventuali problemi di salute e sicurezza”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA