Apple, 2,5 miliardi per la crisi abitativa in Usa – Hi-tech

Apple, 2,5 miliardi per la crisi abitativa in Usa – Hi-tech


ROMA – Apple segue i passi di Google, Microsoft e Facebook per contrastare l’emergenza abitativa. La compagnia di Cupertino ha annunciato un piano da 2,5 miliardi di dollari per rispondere “alla crisi di disponibilità e accessibilità di case in California”. Della cifra, un miliardo è destinato a un fondo d’investimento per abitazioni economicamente abbordabili, e un altro miliardo riguarda un fondo d’assistenza per mutui rivolto a chi compra la prima casa.

Con i prezzi di affitti e vendita “alle stelle”, e la carenza di alloggi dal costo accessibile, membri della comunità come insegnanti e vigili del fuoco sono sempre più costretti ad andare via, evidenzia Apple, che ricorda come quasi 30mila persone abbiano lasciato San Francisco tra aprile e giugno di quest’anno.

“Alloggi a prezzi accessibili significano stabilità e dignità, opportunità e orgoglio. Quando queste cose sono fuori dalla portata di troppe persone, sappiamo che il corso che stiamo seguendo è insostenibile. Apple si impegna a far parte della soluzione”, ha dichiarato il ceo della compagnia, Tim Cook.  Apple non è la prima azienda tecnologica a scendere in campo.

Due settimane fa Facebook ha annunciato che spenderà un miliardo di dollari nei prossimi dieci anni per costruire fino a 20mila case accessibili per insegnanti, infermieri e altre categorie di lavoratori essenziali. In precedenza anche Google aveva messo sul piatto un miliardo per l’emergenza abitativa in California, mentre Microsoft ha destinato 500 milioni all’area di Seattle.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA