Apple paga dipendenti per perquisizioni – Hi-tech

Apple paga dipendenti per perquisizioni – Hi-tech


Apple dovrà risarcire i dipendenti che ha trattenuto dopo il turno di lavoro, a causa delle perquisizioni che l’azienda mette a punto per contrastare il furto dei dispositivi. Lo ha stabilito in una sentenza la Corte Suprema della California, nell’ambito di una class-action mossa dai dipendenti della Mela nel 2013.

“Il tempo speso nei locali di Apple in attesa e nel corso delle verifiche obbligatorie di borse, pacchetti o dispositivi tecnologici va compensato come orario di lavoro”, ha scritto il giudice Tani Cantil-Sakauye nella sentenza, secondo quanto riporta il Los Angeles Times. La policy di Apple prevede che gli addetti ai negozi vengano sottoposti a ricerche nei loro effetti personali e anche alla verifica dei numeri di serie della “tecnologia personale”.

Secondo i dipendenti, i controlli possono portare via da venti a 45 minuti. La decisione della Corte Suprema della California ha effetto retroattivo. La class-action comprende i dipendenti dei negozi Apple dal 25 luglio 2009 ad oggi, che hanno superato le 12.400 unità.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA