Huawei: in Italia da 15 anni, avanti con investimenti – Tlc

Huawei: in Italia da 15 anni, avanti con investimenti – Tlc


L’Italia è un paese aperto, collaborativo e un posto in cui investire. L’amministratore delegato di Huawei Italia, Thomas Miao, rassicura sui prossimi investimenti del colosso cinese delle Tlc nella penisola, dove il processo di digitalizzazione risulta ancora lento, come certificato a livello europeo dal Desi(Digital Economy and Society Index), che piazza il paese in 26esima posizione, e per questo il nuovo governo ha istituito una struttura ministeriale dedicata all’innovazione digitale.

“Siamo qui da 15 anni, sono stati anni molto positivi, abbiamo creato lavoro, siamo molto contenti di stare qui e investire, il clima non ci preoccupa, l’Italia è un paese aperto e collaborativo”, ha detto Miao durante la presentazione dello ‘Smart City White Paper’ di Huawei, uno studio che si concentra su sette settori come quello delle smart utilities, smart building, smart transportation, smart tourism, smart port, smart education e smart healthcare.

“Saremo qui per altri 15 anni, saremo tra i maggiori contribuenti nella realizzazione delle smart city e del 5G in Italia”, ha sottolineato Miao, spiegando poi che la trasformazione delle città in smart city “necessita di grandi investimenti iniziali e di un programma a lungo termine”. In quest’ottica Huawei lancia un appello per una ‘Smart City Alliance’ per chiamare a raccolta potenziali partner.

“E’ la nostra iniziativa per invitare i partner a lavorare insieme visto che in ambito di smart city ci sono molte industrie, molte tecnologie e molte applicazioni e quindi non è qualcosa che si può realizzare da soli”, ha spiegato ancora Miao, precisando che ci sono “già stati dei riscontri”. E il 24 ottobre prossimo, nell’ambito dell’inaugurazione dei nuovi uffici Huawei di Roma, “inaugureremo il nostro innovation centre che sarà a disposizione dei nostri partner e sarà la piattaforma per lavorare insieme. Questa è un’alleanza aperta sia ai privati che al settore pubblico, ognuno è benvenuto”, ha concluso Miao. In chiave di città smart in Italia, quelle metropolitane del nord dominano ancora la classifica dello EY Smart City Index 2018.
   





Source link

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *