Ibm, stop al riconoscimento facciale per sorveglianza massa – Hi-tech

Ibm, stop al riconoscimento facciale per sorveglianza massa – Hi-tech


Ibm esce dal mercato del riconoscimento facciale e rivendica la propria contrarietà all’uso di questa tecnologia per “sorveglianza di massa, profilazione razziale, violazione delle libertà e dei diritti umani”. Lo ha reso noto il Ceo della compagnia, Arvind Krishna, in una lettera al Congresso americano in cui ha chiesto una legge per la giustizia razziale.

“Riteniamo che sia giunto il momento di avviare un dialogo nazionale sul se e sul come la tecnologia per il riconoscimento facciale dovrebbe essere impiegata dalle forze dell’ordine”, ha scritto Krishna evidenziando i problemi relativi ai pregiudizi su etnia e genere riscontrati nei sistemi di intelligenza artificiale.

Krishna ha quindi esortato il Congresso a impegnarsi in riforme per la giustizia razziale, tra cui la revisione dell’immunità qualificata che protegge le forze dell’ordine e impedisce ai cittadini di chiedere i danni se un agente viola i loro diritti costituzionali.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA